Poesia Condivisa 2 N. 55: CESARE RUFFATO

Si dice che la neve ricopre il pane
lasciandone fiorire il profumo
ma sotto il manto miscuglia capziosità.
Non è che acqua lapsus e maschera
del cielo che nega la canizie
cosparge il fondo di gelo polveroso
per chi scivola e si frattura.
Sulla sommità di un colle imbiancato
anche le facce e il cuore sono
malintesi e poco ilare l’infinito
per drogata pienezza di naufragio.
L’opera funziona e resiste nei delicati
pensieri che non diventino neve.

Da Cesare Ruffato Il poeta pallido, Marsilio Editori (Venezia 2005), collana Elleffe

More from Annamaria Ferramosca

Poesia Condivisa 2 N. 49: ALFREDO DE PALCHI

Averti come sei –lo straccio addosso con spigliatezzae gioielli di avenacon il...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.