Poesia Condivisa 2 N. 55: CESARE RUFFATO

Si dice che la neve ricopre il pane
lasciandone fiorire il profumo
ma sotto il manto miscuglia capziosità.
Non è che acqua lapsus e maschera
del cielo che nega la canizie
cosparge il fondo di gelo polveroso
per chi scivola e si frattura.
Sulla sommità di un colle imbiancato
anche le facce e il cuore sono
malintesi e poco ilare l’infinito
per drogata pienezza di naufragio.
L’opera funziona e resiste nei delicati
pensieri che non diventino neve.

Da Cesare Ruffato Il poeta pallido, Marsilio Editori (Venezia 2005), collana Elleffe

More from Annamaria Ferramosca

Note universali dalla sarditudine. Studio di A. Ferramosca su ‘Il guado della neve’ di Luca Benassi

Insolita raccolta poetica, questa di Luca Benassi, poeta romano di ascendenze sarde,...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.