Poesia Condivisa 2 N. 56: PATRIZIA VICINELLI

Patrizia Vicinelli

Il riflesso dello specchio è vuoto
come l’anima che mi accoglie
la vitale spinta che mi fu data
non voltarti disse,
ma il contatto sanguineo
con quell’antica piramide di uomini
scalatori di stelle inesplorate
fecero inevitabile il contatto dei fili
elettrici due tracciati che combaciano
e come l’amore in congiunzione
esplodono
e producendo creano
tutto quell’altro mondo
che chiamiamo sogni
che neghiamo speranze
che siamo già
infinitamente fuori
da quegli spazi congiunti
e ancora opposti.

da Non sempre ricordano – Patrizia Vicinelli, Casa Editrice Le Lettere (Firenze, 2009), collana Fuori Formato, a cura di Cecilia Minciacchi Bello.

More from Annamaria Ferramosca

Poesia Condivisa 2 N. 50: GRACE PALEY

The Poet’s Occasional Alternative I was going to write a poemI made...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.