Giusi Montali: “Fotometria “

foto copertina fotometria

Fotometria è uno studio sulla luce compiuto nell’arco di due anni e presenta un andamento a spirale, ovvero un cerchio che invece di chiudersi in sé prosegue la sua traiettoria all’infinito e passa progressivamente a un livello superiore. Così, la tensione aumenta da una sezione all’altra e i testi nel loro succedersi disegnano il tracciato dell’energia che percorre il corpo del soggetto e lo correla agli eventi esterni. La raccolta nel suo articolarsi misura, come la tecnica astronomica della fotometria, il flusso e l’intensità della radiazione elettromagnetica di un oggetto e l’energia totale emessa. Nelle prime tre sezioni è indagato il valore positivo, ma anche latamente distruttore, della luce e il flusso o movimento di essa è dinamico e si esplica in lampi, esplosioni e diagonali che attraversano lo spazio esterno. Le ultime tre sezioni invece sono connotate dal buio e da una luce sempre più soffusa o del tutto assente e il movimento è bloccato, impedito e il soggetto è costretto alla stasi. L’inquietudine che ne deriva è alleviata solo dal potere ri-creativo dall’immaginazione e il movimento diviene interno e interiore, oppure quando si verifica nel mondo esteriore è rischioso e violento. In particolare nell’ultima sezione, Luce nera, il soggetto è immobile, malato, e il viaggio che si percorre è del tutto interiore. La realtà lascia posto a una dimensione immaginata e il confine tra sonno e veglia è labile, indefinibile. Il soggetto tenta di autocurarsi e si interroga costantemente su una possibilità di guarigione. La crisi individuale coinvolge l’intera realtà e assume dimensioni sociali. L’esperienza autobiografica, caotica, irrazionale, priva di un suo ordine imprenscindibile è stata trasposta in un racconto poetico che obbedisce a una geometria interna pur mantenendo una forma varia e dinamica. Nei rapporti tra i testi, nel loro obbedire a una disposizione strutturale e nel loro distribuirsi in sezioni si manifesta una volontà ordinatrice che è però consapevole che del mondo fenomenico non si può dare un’interpretazione fissa, immutabile e onnicomprensiva ma solo un’interpretazione.

Altro su prufrockspa.com

 

luce nera. IV.

volatile fumo espanso dalla cassa toracica
raccoglimi negli strati aerei costellati della
gabbia aperta
___________fuggo piano, mi elevo, supero il confine
mi arrampico sulle costole, discendo alla colonna
vertebrale, inverto la salita, risalgo piano
________________________________eccomi
sono qui tra il plesso solare e una notte corporea esplosa
ecco, sono qui tra le ciglia dischiuse e un fiore lacerato
ecco sono una passeggiata rischiarata da suoni:
sono le stelle disseminate, solamente sole
sicuramente sciolte lente nel buio che illumino

*

luce nera. IX.

e ho visto il mondo oltre le pareti
la luce sotto la soglia, i corpi
distesi contro i muri, ho visto
l’uomo di Rodez scalciare
le donne aprirsi lo stomaco
il condannato sedersi e piangere
ho visto le mani farsi iridescenti
divenire ali lucide
______________tagliate e allineate

More from Redazione

Patto giurato – una nota di Eraldo Affinati su Milo De Angelis

  di Eraldo Affinati Lessi il primo libro di Milo De Angelis, intitolato...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.