Mappature: ‘Gradiva’ – la rivista

 

GRADIVA
International Journal of Italian Poetry
Editor: Luigi Fontanella
Associate Editor: Michael Palma
Managing Editors: Sylvia Liberti Morandina, Irene Marchegiani
Assistant to the Editor: Michele Giua

EDITORIAL BOARD
Maurizio Cucchi, Milo De Angelis, Dante Della Terza, Cesare De Michelis, Alfredo De Palchi, Jonathan Galassi, Valerio Magrelli, Robert Pinsky, Paolo Valesio, Rebecca J. West.

EDITORIAL ASSOCIATES
Luigi Bonaffini, Antonello Borra, Barbara Carle, Alessandro Carrera, Mario Fresa, Aldo Gerbino, Paolo Lagazzi, Laura Lilli, Annalisa Macchia, Alfonso Malinconico, Sebastiano Martelli, Carlangelo Mauro, Plinio Perilli, Giancarlo Pontiggia, Enzo Rega, Myriam Swennen Ruthenberg.

CONTATTI
USA: GRADIVA – P.O. Box 831, Stony Brook, NY 11790
Telephone: (631) 632-7448
Fax: (631) 632-9612

ITALY: GRADIVA – Via Guelfa 84, 50129 Firenze
Telephone: (39) 338-4719646

gradiva@italianstudies.org o lfontanella@notes.cc.sunysb.edu

ABBONAMENTI
Annuale (due numeri all’anno; two issues per year): $60, oppure 50 Euro.
Biennale (quattro numeri; four issues over two years): $100, oppure 80 Euro.
Sstenitore (Sustaining Subscriber): $ 200, oppure 200 Euro.
Benefattore (Patron): $500, oppure 500 Euro.
Acquisto intera serie 1976-2011 (the complete run of Gradiva, 1976-2011): $ 1100, oppure 900 Euro).

Per i residenti in Italia abbonamenti e acquisti possono essere effettuati mediante bonifico bancario presso il C/C n. 10750, intestato a Luigi Fontanella, Gradiva, Banca Popolare di Milano, Ag. 240, IBAN: IT73 Y 05584 02800 000000010750. Si prega inviare copia della ricevuta al recapito americano su indicato.

La storia, gli obiettivi, la redazione

di Luigi Fontanella

Gradiva” è nata come rivista di Letteratura e Psicoanalisi.  Io ne ho assunto la direzione nel 1982. Fondata da Adriano Berengo, il primo fascicolo uscì nell’estate del 1976.  Vi comparivano, fra gli altri, saggi e note dello stesso Berengo (su Beckett), di Norman N. Holland (a quel tempo direttore, a Buffalo, del Center for the Psychological Study of the Arts), di Mark Heumann (noto studioso di psicoanalisi), di Michel David, che, con Giacomo Debenedetti, si può considerare uno dei capostipiti della critica psicoanalitica italiana e di Stefano Agosti che commentava due bei libri di Francesco Orlando (Lettura freudiana della Phedre e Per una teoria freudiana della letteratura). Lo stesso titolo scelto per questa rivista, riferentesi a una delle più seducenti opere di Freud, via Jensen, non lasciava adito ad alcun dubbio. Dal 1976 al 1982, periodo che costituisce la prima serie di Gradiva, la rivista ospita, dunque, studi rivolti al campo della critica psicoanalitica, alla critica analogica e a quella semiologica, con feconde incursioni nelle avanguardie storiche, con particolare riferimento al surrealismo: significativi, in tal senso, i saggi di Anna Balakian, Jan Kott, Umberto Eco, Jacques Lacan, Lucien Goldmann, Jay Martin, Norman N. Holland, che usciranno nei vari numeri successivi.

Dal 1982, con la mia direzione, la rivista diventa essenzialmente un periodico di letteratura italiana e, oltre alla psicoanalisi, apre anche ad altre metodologie critiche, come la critica stilistica, lo strutturalismo, la critica marxista. Il comitato direttivo viene radicalmente rimaneggiato: entrano studiosi e poeti come Cesare Garboli (ricordo un suo saggio bellissimo su Antonio Delfini proprio nel primo fascicolo della seconda serie), Dante Della Terza, Alfredo Giuliani, Glauco Cambon, Octavio Paz, Edoardo Sanguineti e  Giuliano Manacorda,  questi ultimi due diventati nel tempo amici cari.

Altro significativo cambiamento della rivista, dal 1982 in poi, è costituito dall’ingresso di testi creativi.  Mi piace ricordare che le primissime poesie pubblicate nel fascicolo iniziale della seconda serie erano di Philippe Soupault, uno dei fondatori storici del surrealismo, che mi mandò una lettera appassionata e un testo autografo (di fatto pubblicammo la sua poesia, Toujours le silence, proprio nella sua forma manoscritta), di Edoardo Sanguineti, Milo De Angelis e Alfredo Giuliani. Mi sembra incredibile che siano già trascorsi 30 anni da quel vicino/lontano 1982. Da allora sono centinaia e centinaia i testi di poeti italiani pubblicati da Gradiva, talora affiancati anche dalla traduzione in inglese.

Questa seconda serie di Gradiva si estende fino al 1999.  Dall’anno 2000 in poi la rivista diventa un semestrale esclusivamente di poesia e poetologia italiana. Con l’anno Duemila inizia anche la terza serie, tuttora in “attività di servizio”.  Il comitato direttivo e redazionale subisce un ulteriore rimaneggiamento, con l’adesione di poeti e studiosi come Luigi Bonaffini, Alfredo De Palchi,  Maurizio Cucchi, Milo De Angelis, Alfredo De Palchi, Jonathan Galassi,  Aldo Gerbino, Paolo Lagazzi, Laura Lilli, Valerio Magrelli, Plinio Perilli,  Giancarlo Pontiggia, Rebecca J. West.

La rivista si assesta strutturalmente con rubriche specifiche curate da singoli studiosi o poeti; si arricchisce graficamente, e aggiunge, sia pure in modo saltuario,  una “Fototeca”, ossia un piccolo archivio fotografico che documenta eventi e personaggi della poesia italiana, passata e presente.  Un’idea, questa, che mi venne suggerita a suo tempo da Giovanna Sicari. Di questa sezione si sarebbe dovuta occupare Giovanna stessa se la malattia non l’avesse vinta (il n. 26 di Gradiva, curato da me e da Milo De Angelis, che ha avuto due ristampe, fu interamente a lei dedicato).

Intanto nascono le Edizioni Gradiva (Gradiva Publications), piccola editrice che, fondata timidamente nel 1985, ha gradualmente rafforzato e precisato professionalmente la propria attività editoriale. Scopo primario di Gradiva Publications è di far conoscere la poesia italiana nei paesi di lingua inglese, attraverso la pubblicazione di volumetti bilingui, ben curati, di poeti italiani ancora non troppo familiari al pubblico di lingua inglese, o addirittura mai tradotti prima in questa lingua.  A questa collana di base, si affianca l’altra di poeti americani contemporanei di origine italiana.  Il catalogo, leggibile sulla quarta di copertina della rivista, rende conto di quanto è stato finora pubblicato.  A Gradiva Publications è stato assegnato, da parte del Ministero dei Beni Culturali, il Premio Internazionale per la Traduzione.

Il lavoro redazionale di “Gradiva” è andato rafforzandosi e precisandosi i questi ultimi anni con iniziative di vario genere mirate soprattutto a rendere la rivista più visibile in campo nazionale e internazionale: presentazioni in varie città italiane e americane (la più recente lo scorso aprile presso la prestigiosa Biblioteca Marucelliana di Firenze, che ha avuto un grande successo), nonché – proprio di recente –  nuovi punti redazionali in città italiane (Milano, Firenze, Roma, Napoli, Salerno, Palermo) e negli Stati Uniti (oltre a New York, Burlington, Houston, e in California).  Tutto ciò comporta, oggi come oggi,  un enorme lavoro di raccordo e di scambi. Forse solo chi ha diretto un periodico letterario può veramente sapere quale e quanta fatica deve affrontare, direi quasi giornalmente, chi la dirige.  Non mi faccio illusioni.  So bene quanta precarietà caratterizzi questo lavoro.  Mi consola il fatto che, per quanto mi riguarda,  l’ho svolto e lo sto svolgendo sempre senza pressioni di parte, con libera autonomia e onestà,  traendone a volte il piacere di qualche scoperta, e sorretto infine – last but not least –  da un Ideale, senza il quale ogni vita umana non avrebbe senso. Lo stesso impegno vorrei augurarmelo da parte della redazione.

ISTRUZIONI PER L’ABBONAMENTO
Per abbonarsi alla nostra rivista, o rinnovare l’abbonamento,  o per acquisto copie, le alleghiamo questa scheda che la preghiamo riempire e mandarci – unitamente alla copia della ricevuta del bonifico – al nostro recapito americano sotto indicato   La ringraziamo dell’attenzione e le porgiamo i nostri più cordiali saluti.   Vi ricordiamo che la nostra rivista si occupa esclusivamente di poesia italiana, e vive esclusivamente grazie ai suoi abbonati.

Luigi Fontanella, Editor-in-Chief
Sylvia Morandina, Managing Editor
Gradiva International Poetry Society, Inc.           www.italianstudies.org/gradiva/

USA : P.O. Box 831, Stony Brook, New York 11790.
ITALY : Via Guelfa 84, 50129 Firenze.
e-mail:  lfontanella@notes.cc.sunysb.edu   or   gradiva@italianstudies.org

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> ritagliare e spedire all’indirizzo Americano su indicato (please cut below and send it to our American address)

ABBONAMENTO PER 2011  e/o  2012

Nome e indirizzo (Name and address) _______________________________________________________

Telefono____________________eventuale recapito elettronico (e-mail) _________________________________

Abbonamento annuale (due numeri all’anno; two issues per year): $60, oppure 50 Euro.
Abbonamento biennale (quattro numeri; four issues over two years): $100, oppure 80 Euro.
Abbonamento sostenitore (Sustaining Subscriber): $ 200, oppure 200 Euro.
Benefattore (Patron): $500,  oppure 500 Euro.
Acquisto intera serie 1976-2011 (the complete run of Gradiva, 1976-2011): $ 1100, oppure 900 Euro).

Per i residenti in Italia abbonamenti e acquisti possono essere effettuati mediante bonifico bancario presso il C/C n. 10750, intestato a Luigi Fontanella, Gradiva,  Banca Popolare di Milano, Ag. 240, IBAN: IT73  Y  05584  02800  000000010750.  Si prega inviare copia della ricevuta al recapito americano su indicato.  

More from Redazione

Zibaldello n.5: Qualche precisazione o errata/corrige su gammm

Lorenzo Carlucci, estensore dell’articolo in tema di avanguardie e di gammm.org, uscito...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.