Marco Giovenale – Scheda Autore

Marco Giovenale è nato nel 1969 a Roma, dove vive e lavora. Si è laureato in Lettere con una tesi su Roberto Roversi. Ha svolto numerosi lavori, tra cui (per dieci anni) il libraio antiquario, ed è stato organizzatore di mostre, soprattutto di fotografia. Si occupa attualmente di editing, scrittura online, consulenza editoriale, traduzioni.

Collabora con recensioni di poesia e letteratura alle pagine culturali del «Manifesto». Ha pubblicato recensioni, racconti, prose e poesie su «il verri», «Poesia», «Nuova Corrente», «Rendiconti», «Nuovi Argomenti», «Semicerchio», «l’immaginazione», «Versodove», «il manifesto», «Il Caffè illustrato», «Lo Straniero», «Stilos», «Re:viste», «Smerilliana», «La clessidra», «Hebenon», «L’Area di Broca», «Atelier», «Nioques», «Action Poétique», «Le Bateau Fantôme», «Peut-être», «The | Black Economy», «Aufgabe» (#7), «Or», «Letterbox», «The New Review of Literature», «Mediterranean Review», «Journal of Italian Translation», «Yale Italian Poetry», «Il Segnale», «Tratti», «Confini», «Exit», «OEI», «TRNSFR», «Luvina», «L’almanacco del ramo d’oro», «Qui – Appunti dal presente», «Il Racconto», «Accattone», «Gente di fotografia», «Pagine», «Pietraserena», «Il libro dell’immagine», «I Quaderni di Gaia», «Ossetia», «Le Voci della Luna», e su newsletter («Rubicondor On Line», «Vibrisse», «Zoooom», «FuoriCasa. Poesia») e siti web come Word for / word, Ekleksographia, Bollettario, Zswound, 3by3by3, Coupremine, forward/text, P.F.S. Post, fhole, Shampoo (n.31), Blackbox, Dusie (n.7), Starfish (n.6), Coconut (n.11), Venereal kittens, sos-art.com (feb. 2008), Sous Rature (n.1), harriet (genn. 2009), pganickz.livejournal.com, ex-ex-lit, Nazione indiana, L’Ulisse, L’Hermitage, La poesia e lo spirito, www.nannicagnone.net/, Une autre poésie italienne, La Libellula, Compostxt, Carte nel vento, Textimagepoetry (Jim Leftwich), Manifatturae/Matità, El-Ghibli, FaraNews, Sagarana, Estro poetico, Per una Critica futura, Ex04, Nuove Tendenze, nomadi mondi, Pseudolo, Art&Job Magazine, il weblog di B.Cepollaro, il sito dell’editrice Zona, quello di Chiara De Luca, e rebstein.wordpress.com. Ha partecipato al progetto runbook (cfr. il fascicolo di febbraio 2009).

Cura il weblog SLOWFORWARD e la lettera-dono «Bina» (nata nel giugno 2003 e condotta lungamente anche da Massimo Sannelli). Ha avviato nell’ottobre 2009 il fascicolo irregolare lettere grosse, dedicato alla prosa di ricerca. È redattore di «Sud». Dal 2001 partecipa ad Àkusma – Forme della scrittura contemporanea, rete di autori ideata e posta in essere da Giuliano Mesa nel 1998. Collabora al Centro culturale La camera verde (di Giovanni Andrea Semerano), per le cui edizioni dirige Felix, collana di plaquettes di poesia sperimentale e serie di letture.

È redattore, con G.Bortolotti, A.Broggi, A.Inglese, A.Raos e M.Zaffarano, del sito di scrittura di ricerca GAMM nato nel giugno 2006. A questo sito sono legati i blog Flux e The flux I share. È inoltre tra i redattori di IEPI (International Exchange for Poetic Invention), surrism/notitle, compostxt, recognitiones, foffof, Flux Usa, Fluxlist Europe, hotel stendhal, Poetry Kessel-lo, e Accattone. È “editor at large” del semestrale statunitense di letteratura «OR» (diretto da Paul Vangelisti). Nel 2009 ha avviato la pagina collettiva wee image. Nel 2010 ha inventato l'”echoing blog” du-champ, per una mappatura di blog e siti di scrittura di ricerca e poesia visiva e asemantica. È tra i curatori dello spazio “scrittura” del sito della rivista di fotografia «Private» (per il quale nel 1997 ha realizzato un numero intitolato Identità di transito) e con «Il Segnale», oltre che con «Il Grandevetro», «Le Voci della Luna», remix_runran, sAyingsometHing, TaKinG thE BriM_ TooK thE BrOoM, Italianistica OnLine, Absolute poetry e Biagio Cepollaro E-dizioni.

Per le edizioni L’Obliquo, nel 2001 è stato curatore del libro Anime lontane, con fotografie di Luigi Arcangeli e poesie – tra gli altri – di Magrelli, Anedda, Roversi, Piemontese, A.Cascella, Riviello, Morasso, Attolico, Sissa. Ha partecipato con postfazioni ad altri tre libri dell’Obliquo: Zoo, di Charles Simic, 89 Clouds, di Mark Strand, e Fiumi di ali, di John Ashbery, tutti a cura di Damiano Abeni. Nello stesso anno una scelta di inediti dalle poesie di Delle restrizioni è finalista del premio Lorenzo Montano, indetto dalla rivista «Anterem». Nel 2001 e nel 2004 ha partecipato a RomaPoesia (con letture presso la Casa delle Letterature, il MACRO – Museo di Arte Contemporanea di Roma, e la Fondazione Baruchello). Dal 2005 al 2007 è nel comitato organizzativo del festival. In particolare, proprio per l’edizione 2005, cura la rassegna di cinque incontri Poesia ultima – Generazione 1968-78 (Auditorium di Roma, 21-22 ottobre 2005) e, con Carla Subrizi, L’esperienza-divenire delle arti (Fondazione Baruchello, 23 ottobre). Da questo evento viene tratto un libro, curato da M.G. e da C.Subrizi, I.Gianni e F.Ventrella, intitolato appunto L’esperienza-divenire delle arti, stampato per le edizioni della Fondazione nel 2006. Prende parte, con vari altri autori, al progetto Klandestini, pensato per il 2004 dal British Council, a Malta. Nel 2005 è vincitore dell’VIII edizione del premio di poesia “Artistrada” (Colmurano, Macerata). Con Laura Pugno è invitato nel settembre 2005 al Festival international de la littérature (FIL), a Montréal, Québec, per una serie di letture e per la presentazione del n.40 della rivista «Exit», in gran parte dedicato alla recente poesia italiana. Con la stessa Laura Pugno, e con Maria Teresa Carbone e Michele Zaffarano, cura un fascicolo monografico della rivista «l’immaginazione» dedicato alla poesia quebecchese contemporanea (n. 220, aprile 2006). Legge a Lione presso il CéP (seminario “Lyrisme et littéralité”) e presso la galleria Grrnd Zero, il 5 marzo 2008, nell’ambito del festival “La poésie / nuit”.

Ha pubblicato micro-plaquettes con il Pulcinoelefante e con Mme Webb. Nel luglio 2002, per le edizioni romane La Camera Verde, è uscita la sequenza di poesie Curvature (con prefazione di Giuliano Mesa): quindici testi in dialogo non didascalico con altrettante fotografie di Francesca Vitale. Nel 2003 la raccolta Il segno meno vince la sezione inediti del Premio Renato Giorgi, viene dunque pubblicata, nel giugno dello stesso 2003, da Piero Manni; con prefazione di Loredana Magazzeni. Sia Curvature che Il segno meno, nel 2003 e nel 2004, sono finaliste del premio Lorenzo Montano per la raccolta èdita. Nel 2004 escono le poesie 1996-2000 di Altre ombre (La Camera Verde), con postfazione di Roberto Roversi e una fotografia di Francesca Vitale; e le prose dell’e-book Endoglosse (“Venticinque piccoli preludi, 1999-2000”, file pdf, Biagio Cepollaro E-dizioni). All’e-book è legata, dall’agosto 2005, una pagina web in cui vengono pubblicate anche immagini: www.endoglosse.blogspot.com. Dallo stesso periodo pubblica regolarmente – nella pagina/opera anglofona Differx e nella italiana Differx.it – alcuni draft & esperimenti inediti di cut-up, ‘sought poems’ e google poetry (nell’ambito del libro Delle restrizioni, ancora in scrittura). Del settembre 2009 è una prima selezione leggibile online di testi da differx.it: si intitola Nanoconduttori. Altri esperimenti (“light/basic”) sono in Xdiffer, dall’agosto 2007. Nell’aprile 2005 esce la plaquette Double click, per i Quaderni di Cantarena (Genova), in cento copie numerate, con immagini di Fulvio Leoncini e un saggio-postfazione di Florinda Fusco. Nel settembre dello stesso anno ne viene fatta una ristampa. Nel giugno 2006 la Camera verde pubblica un piccolo portfolio con sette poesie inedite e sei fotografie (in gran parte inedite): il titolo della serie è Superficie della battaglia. Nella collezione ChapBook della casa editrice milanese Arcipelago, esce nel 2006 (e in versione compiuta e corretta nel 2007) la raccolta di prose Numeri primi. È del marzo 2007 la plaquette A rhyme mirror: nella collana dei Libretti verdi (diretta da Ugo Pierri) del triestino Battello stampatore. In parte le poesie erano uscite come file pdf sul sito di Nanni Cagnone. Del giugno 2007 è la raccolta di google/sought poems & proses intitolata A gunless tea, che compare per i tipi di Dusie (progetto Dusi/e-chap, 2007). Allo stesso tempo, sempre come progetto del sito Dusie, esce un wee-chap (chapbook mooolto piccolo) composto da due prose: il titolo è Detect. Il testo è scritto direttamente in inglese, la traduzione italiana è a cura di Alessia Folcio e Gherardo Bortolotti. Nel febbraio 2008 A gunless tea diventa disponibile anche come file pdf [di circa 2 Mb] — in rete su dusie.org, issue 7 (cfr. “vie et pli”). Alla fine del 2007, a poca distanza l’una dall’altra, escono le due raccolte Criterio dei vetri (collana “i megamicri” diretta da Mariano Bàino), per le edizioni Oèdipus, con postfazione di Cecilia Bello Minciacchi (libro finalista alla XXII edizione, 2008, del Premio Lorenzo Montano); e La casa esposta (testo complesso di poesie, foto, prose), nella collana FuoriFormato diretta da Andrea Cortellessa per Le Lettere, con prefazione di Antonella Anedda e postfazione della stessa Cecilia Bello Minciacchi. Contemporaneo è il libro Spleen / Macchinazioni per fiori, contenente immagini di Alfredo Anzellini, traduzioni di M.G. dei quattro Spleen di Baudelaire (dalle Fleurs) e una sequenza di “sought poems” (l’editore è La camera verde). Nel marzo 2009 esce per la Camera verde, nella collana Calliope, una plaquette di dodici testi: Soluzione della materia (sottotitolo: “Politica delle variabili. / 11 testi in versi, 1 in prosa, viceversa”). Nello stesso mese, a cura di Drew Kunz, esce per le edizioni Tir aux pigeons la plaquette CDK, chapbook e insieme e-book liberamente scaricabile. Il lavoro viene dall’omonima opera presentata alla mostra collettiva organizzata da Xavier Stern a Nizza nel marzo 2007. In maggio esce un altro libro nella collana Calliope della Camera verde: Chalk, con undici testi in italiano e traduzione inglese. In unica plaquette con Favola blu, di Fiammetta Cirilli, pubblica una serie di testi intitolata Un’altra cosa notavo (La camera verde, 5 dicembre 2009). Nell’aprile 2010, per le edizioni online del blog compostxt, esce su issuu/compostxt la sequenza di testi una semplice. Nello stesso anno, a luglio, per Transeuropa esce la plaquette Storia dei minuti (poesie tradotte anche in francese – a cura di M.Zaffarano). Alla plaquette è allegato il cd di Claudio Lolli, La scoperta dell’America. Nel 2008 ha curato il libro Tre poesie e alcune prose, di Roberto Roversi (Luca Sossella Editore).Nel settembre 2010 esce per la casa editrice Donzelli la raccolta di poesie Shelter.

Suoi testi sono tradotti – in rivista – in inglese, francese, portoghese, spagnolo, olandese, svedese, tedesco. È tra gli autori inclusi nel Nono Quaderno italiano di poesia contemporanea (a cura di Franco Buffoni, Marcos y Marcos, Milano 2007: la prefazione ai suoi testi è di Cecilia Bello Minciacchi). È presente in varie antologie, tra cui Parola plurale. Sessantaquattro poeti italiani fra due secoli, a cura di G. Alfano, A. Baldacci, C. Bello Minciacchi, A. Cortellessa, M. Manganelli, R. Scarpa, F. Zinelli, P. Zublena (Luca Sossella Editore, Roma 2005, pp. 1085-1094, nota introduttiva di Cecilia Bello Minciacchi); Il presente della poesia italiana (a cura di C.Dentali e S.Salvi, LietoColle, Como 2006); in Nuovi poeti italiani, numero monografico di «Nuova Corrente» (n.135, 2005, pp. 127-133) curato da Paolo Zublena; Corale (Le voci della luna, 2007); Vicino alle nubi sulla montagna crollata, a cura di L.Ariano e E.Cerquiglini (Campanotto, 2008); in Nella borsa del viandante (a cura di Chiara De Luca, Fara Editore, Rimini 2009); in Poesie dell’inizio del mondo (Premio Delfini 2009, a cura di Nanni Balestrini e Paolo Caselli); in Pro/Testo (a cura di Luca Ariano e Luca Paci, Fara Editore, Rimini 2009); e nella selezione comparsa – in francese, a cura di A.Raos – su «Action Poétique», n.177 (2004, trad. di R.Sekiguchi). Cinque testi sono nell’antologia InVerse del 2006 (pubblicata dalla John Cabot University nel 2007), con traduzioni in inglese di A.Grego e D.Abeni. Testi in poesia (e brani critici) sono inoltre nel numero 7 di «Aufgabe», dedicato alla poesia italiana contemporanea, a cura di Jennifer Scappettone (Litmus Press, 2008). Quattro prose in traduzione inglese, a cura di Linh Dinh, compaiono nel 2009 nella selezione Seven Contemporary Italian Poets, su harriet e poi nel blog allestito da L.D. Con i testi di Ira, inazione, ira è tra i vincitori del premio Antonio Delfini 2009. La sequenza compare nell’antologia del premio.

Artbook: Sibille asemantiche (La camera verde, 2008); e, con il nome di differx, aweapon (ebook: Vugg Books, 2008), Severe red (2009, ebook: Vugg Books, 2010) e unrelated | undepicted | (diptychs) (ebook: Vugg Books, 2010). Con un’installazione di poesia visiva intitolata CD-K (in collaborazione con Xavier Stern) prende parte a UberTrashung, mostra+rivista: presso la galleria Garage 103 (a Nizza): dal 17 marzo al 12 maggio 2007. La rivista cartacea e online “Chernovik” (diretta da Alex Ocheretyansky), ospita nel giugno 2007 due frammenti di poesia visiva low-res di MG, e una serie di frames da un lungo clip/videopoema dell’artista Asya Nemchenok che elabora e include letture mp3, manoscritti e testi da Il segno meno (Manni, Lecce 2003). Una lettura con interventi sonori di Scott Dohring può essere ascoltata nella Foist Compilation scaricabile a questo indirizzo. Alcune nuove sibille asemantiche sono in Nazione indiana (2008) e Sleepingfish (2009), e nella Anthology Spidertangle curata da Miekal And (Xexoxial Editions, 2009). Una è in Hit and run magazine (2009). Altre compaiono nel 2010 in satt.org. Una serie è inoltre nel n.2 di TRNSFR (gennaio/febbraio 2010). Una serie di opere visive e installazioni intitolata ARTE MOLTO POVERA [extremely poor art] è nata nel 2008 e tutt’ora viene periodicamente arricchita di materiali nuovi. Immagini in bassa definizione (semplici scatti di cellulare, per pura documentazione) sono in http://www.flickr.com/photos/textimagepoetry/4901898055/ (grazie a J.Leftwich). Vari post in tema sono qui (.en) e qui (.it). Una pagina appositamente dedicata è http://artemoltopovera.blogspot.com. Nel 2010 ha creato lo spazio web + idea & pratica della installance.

Il lavoro grafico di M.G. è decisamente meno estroflesso. Ha disegnato e lavorato con acrilici e fotografia b/n su carta chimica fino alla fine degli anni ’90, esponendo in diverse occasioni in mostre personali. L’ultima presso il foyer del Teatro dei Contrari, Roma, 1997: ha poi interrotto per un lungo periodo ogni attività nelle arti visive, riprendendo solo recentemente, con fotografie digitali pubblicate in rete. Un suo disegno compare sulla copertina del libro di Patrizia Bianchi, A lato dell’immagine, Edizioni Tigullio, Genova 2005. Dal 2005 e in particolare con il 2006 riprende la propria attività artistica, soprattutto fotografica e di poesia visiva. Si possono trovare materiali in http://immag.blogspot.com/, http://vispostock.blogspot.com/ e in siti come http://www.micawberesque.blogspot.com/ e http://mdrzine.livejournal.com/ (oltre a Nazione Indiana e Absolute Poetry), Cepollaroarte, the new postliterate, e ovviamente The flux I share, hotel stendhal, remix_runran, sAyingsometHing. Numerose poesie visive (sia originali sia in collaborazione, soprattutto con Jim Leftwich) sono visibili alla pagina http://www.flickr.com/photos/textimagepoetry/sets/72157601338728223/ (a cura di Leftwich stesso). La pagina Flickr/differx contiene altre immagini ancora. Una poesia visiva è uscita nel settembre 2009 in fmachinery, rivista curata da Daniel F. Bradley. Il numero 249 de “l’immaginazione” (sett.-ott. 2009) dedica a una sibilla asemantica la copertina. Su Fieralingue escono altre sibille a dicembre 2009. Ha partecipato al progetto runbook (cfr. il fascicolo di febbraio 2009). Pagina personale su Saatchi Online: http://www.saatchi-gallery.co.uk/yourgallery/artist_profile/Marco+Giovenale/96259.html. Alcuni video sono su http://www.youtube.com/differx. Poesie visive e altri materiali sono regolarmente postati su vispoets.com. Lavori con mp3 e installazioni audio possono essere ascoltati all’indirizzo http://mog.com/differx e http://odeo.com/channels/522873-differx.

More from Redazione

Parola ai Poeti: Liliana Ugolini

[Dopo Gio Ferri, Antonio Spagnuolo, Ida Travi, Giacomo Cerrai e Federico Federici, ospitiamo...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.