Annamaria Ferramosca presenta “Ciclica” – Roma 19 giugno

Ciclica loc legg

C’era bisogno di una lingua nuova, esposta alla babele dei ‘mille alfabeti’, predisposta alle ibridazioni, all’ospitalità senza preclusioni di sorta. Una lingua contaminata e meticcia, esposta ai venti di novità, al ‘soffio multilingue‘, tra geologia e biologia, tra techne e angelezza: c’era urgenza di una lingua che si facesse carico del vento di novità ipertecnologico e virtuale, scientifico e sensibile, fisico e corporeo, e che nondimeno registrasse sopravvivenza e insorgenza dei realia, di ‘tutto il rumore del mondo’.
Manuel Cohen (dalla 2^ di copertina)

Vi è tutta una circolarità in questa poesia, come in quella precedente di  Curve di livello e di Other Signs, Other Circles. È soprattutto una circolarità essenziale di uomini e donne raccolti intorno al fuoco, nella condivisione del pasto, del racconto, della poesia («un tempuscolo rovente che accenda/ la permanenza stabile del coro/ torremadre inattaccabile dove/ le lingue si traducono solo sfiorandosi»). Ferramosca sfida la curva del tempo, la piega fino a farci toccare la comunanza dell’essenziale, l’essenzialità del graffio, dell’incisione sulla pietra. La poetessa sembra qui soffermarsi e riflettere sul linguaggio come suono della bellezza, come luce del senso prima ancora che come logos capace di definire e razionalizzare.
Luca Benassi (Almanacco Punto, puntoacapo,2014)

In un gioco finissimo di accenni, di chiamate, di affacci, la ciclicità del modularsi del testo prende e lascia la circostanzialità puntuale dell’accadere, il venirci incontro dell’esperienza e il profilo del mondo che vorremmo abitare, il sogno di una cosa e l’orrore del presente con le sue pubbliche deputazioni, con il suo “gergo”. L’effetto è quello di una sequenza poematica di forte suggestione, che ci porta altrove, nello slargo del mito tra le radici e il cosmo, mentre è profondamente coinvolta in una autoanalisi della poesia e dolorosamente innestata nel tempo a cui apparteniamo.
Marcello Carlino ( corr.priv.2014)

La saggezza persuasa di Ferramosca salva le cose (e le parole-quasi organo del corpo) non dal loro mutare, ma dalla bestemmia di un tempo orientato e centrifugo. Così, in chiusura, il mutamento dice un pacificato dolore del ritorno con la pacatezza gentile di un ponte che congiunga gente, paesaggi, vite, età nello spazio tra due sponde. Attraversarlo è ritornare e il ponte si fa parola e, nel mondo, lo sfiorarsi della lingua è fenomenologia di un credo saldissimo: che il ponte sia anzitutto dimora.
Luca Pasetto (dalla motivazione del Premio Anna Osti,2013)

More from Redazione

Note di lettura su L’opera racchiusa, di Federico Federici

  di Lorenzo Carlucci Omnis enim resurgemus, sed non omnes immutabimur (I Cor., 15,...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.