La Poesia di Patrizia Cavalli – un commento di Massimo Baldacci

Dalla raccolta Sempre aperto teatro (Einaudi 1999) è tratto questo testo:

“Grave e determinata ogni mattino/dopo le mie notturne rovinose/con cupo zelo ripasso la lezione,/quella della sorte e del destino./Ma perché non imparo? E’ tutto così chiaro!/M’hanno offerto anche ieri un’occasione.// Ma queste due entità però com’è/che hanno sempre qualcosa da insegnare,/e perché a me? Questa affannosa solerzia/pedagogica, questa smodata dedizione,/a me? Beh, non ci credo, e fosse pure vero,/che mi lascino in pace,/non sono fatta per andare a scuola./Era che non volevo essere sola”.  

Spesso la poesia della Cavalli assume anche un tono riflessivo, come in questo testo, tratto da L’io singolare proprio mio (Einaudi 1992), che è in assoluto la sua poesia che preferisco:

”Era alla luce terribilmente sabato,/quel sole infimo che annunzia svogliatezze/mentre nella piazza fino a dentro le mie finestre/chiuse si muoveva il mercato prolungato./L’ultima offerta e poi si chiude. Poi la festa/untuosa e il silenzio. Già si smontavano/i banchetti con la ferocia trasandata/della fine. Forse era possibile/una corsa per prendere qualcosa, forse/restava qualche cassetta ancora non riposta./Ma non mi decidevo a quella corsa./Quando scendevo era ormai tardi/tra i mucchi di foglie di carciofi/ e i pomodori sfatti dove una vecchietta china/correva rapace alla riscossa di mezze mele/di peperoni buoni per tre quarti./Ma io non cercavo frutta marcia o fresca,/io volevo soltanto la certezza/della settimana che finisce,/dell’occasione persa”.

L’ultima raccolta accentua soprattutto i toni riflessivi, e l’esempio più significativo è un poemetto lungo (126 versi), Aria pubblica, una protesta ironica, leggera ma amara, contro la privatizzazione degli spazi della città:

“I delegati a conservare il bene/di tutti, cittadini e forestieri, fuggono il vuoto come la peste nera,/per loro il vuoto è vuoto di potere./Non c’è piazzetta o slargo o marciapiede/ strada o rientranza che, sequestrata,/ non si trasformi in gabbia. Da riempire./Che cosa la riempie non importa:/chiasso puzze concerti promozioni/ i cinquemila culturali eventi/ fiere-mercato libri chioschi incensi/ corpi seduti o in piedi nella mischia,/purché sia tutto pieno, dura festa”.

More from Redazione

Sulla poesia in dialetto di Dante Maffia

  di Giuseppe Pedota Quando nel 1987 Dante Maffìa dette alle stampe...
Read More

Lascia un commento