Antonella Anedda: La vita dei dettagli – Un commento di A. Cortellessa

La vita dei dettagli

Antonella Anedda

2009, XIII-177 p., ill., brossura

Donzelli Editore (collana Saggine)




“Gli storici dell’arte conoscono bene, ahiloro, quel gioco che consiste nel riconoscere un’opera a partire da un suo minimo dettaglio. Più in generale si sa come Carlo Ginzburg abbia potuto accostare la pratica dell’attribuzione ai «paradigmi indiziari» di Conan Doyle e Sigmund Freud.?In quest’aureo libretto che direi il suo capolavoro – La vita dei dettagli (Donzelli) – Antonella Anedda (la quale, nella sua favolosa giovinezza, studiò alla scuola di Augusto Gentili) sceglie di fare il percorso inverso. Invertendo il circolo ermeneutico, isola trentadue dettagli da immagini più o meno celebri (dall’iconografia tardoantica alla videoarte di oggi) «usando lo sguardo come coltello». Così dando vita a uno straniamento assoluto, «una nuova consapevolezza dell’alterità misteriosa del mondo», quasi un senso di minaccia (la suspense di Hopper!). Prose brevissime, descrittive o narrative (come nei precedenti libri «saggistici» della poetessa romana d’origine sarda: il magnifico Cosa sono gli anni del ’97 e La luce delle cose del 2000), commentano i frammenti. È un gioco (la premessa s’intitola Istruzioni per l’uso; le «attribuzioni» sono definite Soluzioni), ma quanto mai serio: ogni prosa rinvia all’altra sogni, ossessioni, coazioni a ripetere.?Per questo sono in numero di trentadue: come le Goldberg di Bach, variazioni su un medesimo tema. Come le poesie più belle, in sardo, nell’ultima raccolta Dal balcone del corpo (Mondadori, 2007) rinviano a una storia taciuta, troppo bruciante per essere narrata («tutto è reticenza» è detto sempre a proposito di Hopper). Una storia di lutto, più in generale di perdita. Non a caso in explicit Anedda pone una voce da dizionario, appunto Perdita. E questo breve testo – come nell’altro suo splendido libro segreto, Nomi distanti (Empirìa, 1998) – a sua volta è «variazione» di una poesia celebre, Un’arte di Elizabeth Bishop («L’arte di perdere non è una disciplina dura»). Fra i trentadue «ritagli» quello chiave è il quindicesimo, con gli occhi del più celebre ritratto del Fayum (II sec. d.C.): «la ragazza è morta». L’ultimo, poi, è davvero inconfondibile: i piedi del Cristo morto del Mantegna ovvero «il ritratto della nostra vertigine davanti a ogni morte». Non si pensi però a una contemplazione della morte macabro-dannunziana; inquieta semmai che, com’è evidente negli occhi di Fayum, ad essere risvegliato sia lo sguardo dei morti. Sono loro che ci guardano, come poi in certo senso (quello del Barthes della Camera chiara) è connaturato alle immagini. Ci interpellano, ci mettono in questione. (Come nel Torso di Rilke: «non c’è punto che non veda / te, la tua vita. Tu devi mutarla».) Ne consegue che chi dice «io» (per esempio nel diario di una visita ad Arles, nei bellissimi saggi su figure sacrificali come Nicolas de Staël e Mark Rothko, o nel fuoriformato conclusivo di frasi e fotografie) lo fa solo «per curarsi dallo spavento » che incutono, sempre, le visite dei «fantasmi». La sua è «una passione di spossessamento».?Riprendeva una lunga tradizione Aby Warburg quando diceva che nei dettagli, appunto, si nasconde «il buon Dio». Si potrebbe simmetricamente argomentare che sia piuttosto, questa, una pratica perversa (e dunque diabolica); ma senza dubbio il cortocircuito descritto redime la materia più feriale, «totalmente terrena, non mistica», nella sfera del trascendente, diciamo pure del religioso (nel senso più ampio possibile: dove, dice Anedda commentando Dostoevskij, può venir meno «la distinzione tra credere e non credere»).?Non a caso tale spossessamento viene un paio di volte definito da Anedda «esicasmo», una pratica ascetica dei Padri del deserto e in genere degli asceti orientali: una preghiera ossessivamente ripetuta in condizioni di totale isolamento – ad esempio al chiuso di una cella – per lo più di fronte a un’icona. Quel che conta per l’esicasta, comunque, è la pratica dell’attenzione. Si comprende allora la lezione di «stoicismo» (come viene detto a proposito di un’impietosa poesia di Zbigniew Herbert) che con risolutezza Anedda trae da questi esercizi di contemplazione.?Per questo – credenti e non – possiamo commuoverci con lei per perdite, magari, meno tragiche delle sue. Lo ha detto una volta per tutte Walter Benjamin: «se Kafka non ha pregato – ciò che non sappiamo – gli era propria, in altissima misura, ciò che Malebranche definisce “la preghiera naturale dell’anima”: l’attenzione. E in essa, come i santi nelle loro preghiere, egli ha compreso ogni creatura».”

(da Gli occhi a coltello dentro un quadro, Andrea Cortellessa, “TuttoLibri”, “La Stampa”, 07/11/’09)

More from Redazione

Presentazione de “I trittici – Il segno e la parola” di Annamaria Ferramosca

Dialogare con la pittura, dialogare con i dipinti di Amedeo Modigliani, Frida...
Read More

Lascia un commento