Poesia Condivisa 2 N. 53: FRANCO LOI

Amur, me par de sent, mon

Amur, me par de sent, mon jonc, je veux jongler!
Jouer? E la sua vus par la sia l’aria
che vègn dal mar e me repét: Jouer?
Jongler? E cun la vus l’è ‘l cor che svaria
a l’aria tuta nova de l’andà
tra quj sbroff ciar, lingér, sveliàss de l’arba,
e tra i castén se sent i usej vulà:
l’è un fil despèrdess e mai pu vultàss
e vècc nel camenà incòrgess del niulà
e po turnà a la tèra, e tàs, e sbandunàss.

*

Amore, mi pare di sentire, mio giunco, io voglio fare l’amore!
Giocare? E la sua voce sembra sia l’aria
che viene dal mare e mi ripete: Giocare?
Fare l’amore? E con la sua voce è il cuore che muta
all’aria tutta rinnovata dell’andare
tra quegli spruzzi chiari, leggeri, al risveglio dell’alba,
e tra i castagni si sentono gli uccelli volare:
basta un nulla per disperdersi e mai più voltarsi
e vecchio nel camminare accorgersi del rannuvolarsi
e poi tornare alla terra, tacere, e abbandonarsi.

da Liber, Garzanti (Milano, 1988)

More from Annamaria Ferramosca

Poesia Condivisa 2 N.15: TOMAS TRANSTRÖMER

Sfere di fuoco Nei mesi oscuri la mia vita scintillava Solo quando...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.