Presentazione de “I trittici – Il segno e la parola” di Annamaria Ferramosca

Dialogare con la pittura, dialogare con i dipinti di Amedeo Modigliani, Frida Kahlo, Cristina Bove e Antonio Laglia, raggruppare di volta in volta tre testi in versi che posseggono come proprio “testo a fronte” ognuno un’opera degli artisti testé citati, liberarsi d’ogni solipsismo e sentimentalismo traverso il transfert di una scrittura che si fa voce dei personaggi raffigurati nei dipinti è il progetto che sottende la plaquette Trittici – Il segno e la parola, di Annamaria Ferramosca.   (Antonio Devicienti)

 

More from Redazione

Gio Ferri: “Nozze pagane” – una nota di A. Cappi

  di Alberto Cappi Blandizie, lusinghe, preparativi, schermaglie, azioni, se sono gesti che...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.