Della fine, di Flavio Ermini

della-fine-flavio-ermini

La nostra vita è una terra malamente calpestata e poi riassestata con mezzi risibili. La nostra vita è una terra depredata con metodo, in attesa della calata dei nuovi razziatori. Una terra dove la speranza è un cartello tolto dal cielo e sepolto sotto molti strati di macerie. L’essere umano non attende più la resurrezione né altro compimento. È la notte senza illusione quella che qui viene narrata. È la sofferenza che ritorna sul confine oscillante tra dolore e angoscia. La nostra vita è una pagina di quel diario sterminato che quotidianamente scriviamo nel testimoniare la corruzione del nostro spirito. È il diario di chi agisce privo di qualsiasi fede e avanza sapendo di non poter eludere il vuoto. È il diario che non ha futuro, se non quello della nostra rovina. L’infelicità è inevitabile. Nasce dall’urto tra il carattere illimitato dei desideri e il carattere finito del bene che ogni essere vivente riesce a procurarsi. Sperimentare questo limite significa apprendere la propria finitezza; significa sperimentare il dolore e scoprire che la nostra vita è un errore prospettico; un tutto che è una dispersione: è patire. Quel diario ci svela il potere illusorio dell’essere umano. Con pazienza enumera i suoi elementi costitutivi: il declino, la notte, l’assenza di un mattino.

Flavio Ermini

More from Redazione

‘Fabrica’ e ‘Co’ e man monche’ – una nota di Daniele Maria Pegorari su Fabio Franzin

di Daniele Maria Pegorari Forse un po’ troppo incline all’‘edizione precoce’, che...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.