Una lingua comune che risuona

tempi d'europaCome si coniuga l’unità euro­pea con la poe­sia? Nata oltre mezzo secolo fa sulle mace­rie della seconda guerra mon­diale l’Unione Euro­pea ha pun­tato alla crea­zione di un mer­cato unico in cui merci, per­sone, ser­vizi e capi­tali cir­co­las­sero libe­ra­mente, come se si trat­tasse di un unico paese. Que­sto s’impara a scuola. È una spe­cie di super-stato, rispon­dono i ragazzi a scuola, se inter­ro­gati: difende i diritti, crea lavoro, tutela l’ambiente… aggiun­gono quelli più pre­pa­rati: atti legi­sla­tivi, mer­cato interno, tutela dei con­su­ma­tori, istru­zione e sanità… A qual­cuno pare, però, che que­sta Unione Euro­pea sia ancora in cerca d’identità.

Prima di tutto andreb­bero can­cel­late certe mac­chio­line lasciate dalla sto­ria, ma que­sta è impresa mil­le­na­ria. Poi biso­gne­rebbe lavo­rare al mira­colo d’un lin­guag­gio comune che non azzeri valori, tra­di­zioni, dif­fe­renze… Ma come si fa? Ai viventi nei paesi del super­stato ser­vi­rebbe una super­lin­gua. Non stiamo par­lando di una unica lin­gua par­lata da tutti, ma di un lin­guag­gio altro da con­di­vi­dere, un lin­guag­gio al di là di ogni gram­ma­tica, un lin­guag­gio capace di inglo­bare in un senso altro, molte lin­gue, capace di accet­tarle, tenerle vive, nella loro pro­fon­dità e nella loro spe­ci­fica altezza.

Si tratta di un lin­guag­gio comune che viene prima del lin­guag­gio stesso, anzi sot­to­stante a tutte le lin­gue, capace di scor­rere sotto e fon­dere in sé ciò che d’immensamente umano ogni gram­ma­tica custo­di­sce: que­sto ten­ta­tivo di mira­colo è il lin­guag­gio poetico.

È un lin­guag­gio che sem­bra rimosso: in Ita­lia per esem­pio, viene l’ora di ita­liano, poi viene l’ora di sto­ria della let­te­ra­tura ita­liana, poi viene l’ora della poe­sia ita­liana, e basta. Al mas­simo qual­che ora d’una seconda lin­gua, in qual­che caso d’una terza. Che ne è di tutta l’altra poe­sia? Come impa­rare a cono­scerla? Pro­fes­sori, ora c’è una rac­colta poe­tica che vi può essere d’aiuto. Si tratta dell’antologia poe­tica inter­na­zio­nale, Tempi d’Europa, a cura di Lino Angiuli e Milica Marin­ko­vic (pagg. 136, euro 15). La pre­fa­zione di Ame­deo Anelli si apre con una cita­zione di Dino For­mag­gio che ne rac­chiude lo spi­rito: «Ad ogni modo, la nostra patria filo­lo­gica è la terra… Dob­biamo tor­nare in cir­co­stanze diverse, a ciò che già pos­se­deva la cul­tura medioe­vale prima della for­ma­zione delle nazioni».

In tempi di povertà, anche cul­tu­rale, que­sta anto­lo­gia è una ric­chezza. Una ric­chezza, notano i cura­tori «che non va però limi­tata all’ambito delle lin­gue nazio­nali e/o uffi­ciali, ma che deve neces­sa­ria­mente riguar­dare ogni lin­gua eser­ci­tata, com­prese quelle cosid­dette mino­ri­ta­rie. E que­sto per­ché ogni lin­gua che sap­pia e voglia scri­vere di vita, morte, amore, fatica, ogni lin­gua capace di dire e di dirsi attra­verso lo spe­ciale stru­mento espres­sivo della poe­sia ha pari diritti crea­tivi, indi­pen­den­te­mente dal suo rag­gio di azione, dal numero dei par­lanti o dal ter­ri­to­rio coperto».

Il cri­te­rio adot­tato per la neces­sa­ria cer­nita dei poeti inclusi riguarda dun­que non la cono­scenza dei poeti più grandi e con­cla­mati, e nep­pure la distin­zioni tra poeti viventi e no.

Cos’è allora? Il cri­te­rio è la con­vi­venza equi­li­brata di tante lin­gue rara­mente acco­state: gae­lico irlan­dese, fran­cese e pro­ven­zale. L’occitanico e il corso, il bre­tone. E ancora, spa­gnolo e euskera, gal­lego e cata­lano, la nostra lin­gua ladina…

Tro­vate poeti di Cipro e Lus­sem­burgo, di Bul­ga­ria e Let­to­nia. Tro­vate acco­stati premi Nobel e poeti da sco­prire. Tro­vate perle del Nove­cento e versi nascenti, oggi, nelle lin­gue cosid­dette minori. Tro­vate le tra­du­zioni di Franco Loi, Bianca Maria Fra­botta, Elio Pecora, Mauro Fer­rari, oltre a quelle a firma degli stessi cura­tori… Tro­vate Mon­tale, tro­vate Inge­borg Bach­mann, tro­vate per­sino una poe­sia di Fede­rico Gar­cia Lorca in lin­gua casti­gliana tra­dotta da Carlo Bo. Tro­vate poeti dei paesi fon­da­tori della Comu­nità Euro­pea stessa: Bel­gio, Fran­cia, Ger­ma­nia, Ita­lia, Lus­sem­burgo, Paesi Bassi e dell’ultimo paese entrato nell’Unione, la Croa­zia: in tutto 42 pre­senze. Per la prima volta in un’antologia poe­tica si met­tono sullo stesso piano lin­gue «mag­giori» «minori» anche quelle defi­nite «dia­letti». E c’è un ulte­riore ele­mento di novità in que­ste pagine: per la prima volta in una rac­colta anto­lo­gia il numero delle poe­tesse è pari al numero dei poeti uomini.

È un trionfo di segni, suoni, lin­gue… tenuto unito dal tema dello scor­rere del tempo, dalla visione fol­go­rante dell’eterno andare e venire delle sta­gioni. Alla com­pre­senza dei diversi alfa­beti di latino, greco, ciril­lico, alla visione sor­pren­dente di dif­fe­renti segni dia­cri­tici fa fronte la tra­du­zione in lin­gua italiana.

Ciò che muove e uni­sce le tante lin­gue è il vivido rap­porto tra natura e cul­tura, è la pos­senza dei grandi cicli sta­gio­nali: al di sotto e al di sopra dei lin­guaggi la poe­sia scorre come un pos­sente fiume, come un sen­ti­mento del mondo che si schiude al calore dello scam­bio. Impos­si­bile qui ripor­tare il risuo­nare di tanti versi. Vi invi­tiamo alla lettura.

(già su Il manifesto)

Written By
More from Ida Travi

Perché ho firmato l’Appello

  di Ida Travi   Ho fatto una scelta personale, meditata un...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.