Valerio Magrelli – un commento di Roberto Galaverni