Lecomte, la vita che manca in un’autobiografia

autobiografie non vissute

Sin dal titolo, Autobiografie non vissute, Mia Lecomte ci suggerisce una sottile «questione»: come può un’autobiografia non essere vissuta? Come può un’autobiografia, non dico essere falsa o menzognera, che già sarebbe comprensibile, ma non «sorgere» dal vissuto? È come parlare di un sé inconsumato e remoto, e queste poesie, effettivamente, sembrano parlare di un sé nascosto, di una parte dell’interiorità che non si è mai scontrata con l’esperienza e con il vissuto. Forse sono sogni, o percezioni, o sensazioni, o magari intuizioni sensoriali: ognuno saprà dare un nome appropriato a questa parte remota di noi.

È una sorta di sismografo della «periferia di te stesso», questa raccolta di poesie. Predrag Matvejevic, nella bella nota introduttiva, scrive:

«(Della poesia di Mia Lecomte) ammiro la concisione, il gusto della litote, il modo di procedere per scorciatoie, di lasciare da parte il superfluo o l’eccesso. Il suo rifiuto della retorica come delle acrobazie e delle accumulazioni».

Tutto vero: in questa raccolta non ci sono né acrobazie né furbizie stilistiche né retorica di sorta. Il tratto distintivo di Autobiografie non vissute è la delicatezza verbale, che però sa essere decisa, come chi dica una cosa forte a bassa voce, quasi sussurrando: si vedano gli incipit del bellissimo poemetto Periodo ipotetico. Anzi, a mettere insieme i nove incipit del poemetto si ricava un’unica poesia, quasi un attraversamento paradigmatico dell’amore (proviamo: «Puoi guardarmi ora, posso guardarti ora, puoi annusarmi ora, posso annusarti ora, puoi toccarmi ora, posso toccarti ora, puoi prendermi ora, posso prenderti ora, possiamo tacere insieme»).

Scrive Mia Lecomte: «Vita è quello che rimane / quando si è perduto tutto. / È il cane a tre zampe / tutte e tre dritte e forti / e una quarta strappata dall’inguine». È una parte della poesia che apre il volume, una dichiarazione sul senso complessivo della vita. Come scrivere dopo un naufragio. Come provare la consistenza delle parole dopo il dolore, e quello che rimane è tutto, è la verità essenziale che conta.

L’atmosfera che si respira in Autobiografie non vissute è sognante, come ascoltare il racconto di un sogno dalla viva voce di una persona ancora assonnata. C’è anche un andamento come di filastrocca, in queste poesie: si va in profondità, tutto è verticale, i sogni sono immersi in un liquido caldo, ma a raccontarli è un’anima discreta, che parla con l’incanto e la fiducia dei bambini.

(Pubblicato su L’Unità del 17 April 2004 )

More from Andrea Di Consoli

Lecomte, la vita che manca in un’autobiografia

Sin dal titolo, Autobiografie non vissute, Mia Lecomte ci suggerisce una sottile...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.