Questo libro è un ragazzo. Luca Ariano, Bitume d’intorno

lucariano«Luca Ariano è nato nel 1979 a Mortara (PV)», «nel 1986 si è trasferito con la famiglia a Vigevano». No, nessuna traduzione genealogica, ora: la «linea lombarda», la fedeltà alle cose, il linguaggio severo di Sereni, la praticità lombarda, e tutte le altre ovvietà.
In primo luogo: Bitume d’intorno è costellato di citazioni, varie come il mondo (da Pavese a Corto Maltese – con la normalità che è propria dei giovani più giovani di me: per i quali, giustamente, TUTTO E’ PASSATO. Perciò: tutto è storia e cultura; e, se serve, è valido: ogni testo avrà il suo esergo magistrale, che può essere tanto De Gregori quanto Rutilio Namaziano. Né il primo è troppo basso né il secondo è troppo alto; e se Teresio Olivelli dice meglio di Platone, sarà citato Teresio, non Platone). Solo vent’anni fa il citazionismo sarebbe stato un espediente estetico, in nome del post-modern e dell’antilirismo: ci fu Voce e ci fu Baino (e c’è Biagio Cepollaro: che poi fu ferito dalla realtà, nel suo stesso corpo; e mutò la maniera). Oggi Luca Ariano cammina sulla via di una conoscenza naturale, senza enfasi da sudate carte e maledizioni febbrili alla Natura: come un bravo studente che ha le sue auctoritates e le divora, e come il lettore dei libri allegati ai quotidiani. Così esiste un percorso scritto e vario, che traduce una formazione onnivora – e non dogmatica. Dunque non posso aggredire con i miei dogmi ciò che vedo, ora: questo libro è un ragazzo. Non è il libro DI un ragazzo: QUESTO LIBRO E’ – ripeto – UN RAGAZZO.
In secondo luogo: compaiono molti personaggi. «Duroy questa mattina / davanti alla sua macchina per scrivere / batte moduli di vite, di vanità / al nero profumo del caffè»; «Caro padre / vi scrivo – forse per l’ultima volta – / da questa trincea e da questo fronte / dove l’orizzonte è un deposito di cenere»; «Ted gioca coi suoi versi di lego / componendo castelli / sotto un cielo di vescica di seppia»; «Nosferatu posa i suoi canini su aliquote / mentre Sallustio – nella Trinacria – dopo essersi rimpinzato di sesterzi / si dedica all’Otium». E tra i personaggi: il soldato Ariano (nomen omen) – che scrive fingendosi il Caronte di un Lager e data «27 gennaio 1945» – o lo studente Ariano che l’appello nomina dopo Albini e Alessandrini e un giorno si laurea, malinconicamente.
E in terzo luogo: che cosa bisogna capire? Ariano – che la sua poesia piaccia o no – è quasi maturo (dovrà solo, con il tempo, ridurre all’osso metafore e immagini: «notte di carne», «le foschie di un’antica palude», «sotto un cielo di vescica di seppia»). Ma per molti lettori sarà facile farne un altro «lombardo», mentre è evidente che tra Ariano e Sereni c’è l’abisso (perché Ariano è – tra l’altro – «nella corte del precariato»: di cui Sereni non immaginò neanche l’odore, né avrebbe potuto). Dunque: nessuna tradizione, ma la somma delle tradizioni. Tutte recenti o recentissime, ma contemplate dal libro-ragazzo come una casa/cosa compatta (che ha molte porte – e da cui si esce per molte finestre). Così il lettore meno giovane (o più dogmatico) che arriva ad Ariano dalla sola tradizione lombarda resta deluso; il lettore che ci arriva da esperienze ‘sperimentali’ vedrà uno stile incomprensibile e per lui nauseante: né la solita prosa né i vecchi versi, né un discorso metrico né non metrico, materiale ma non materialista, e quindi non pubblicato – né pubblicabile – nel giro materialista e goliardico (come se non bastasse: il libro ha una prefazione di Gian Ruggero Manzoni: il grande dáimon urticante, come può esserlo chi legge, veramente, destini veri «oltre il tempo» del cielo e della terra che passeranno).
In ultimo, il bitume non è poesia-poesia. E’ il teatro di un io che non si accontenta di poco, e che non ha il solito concetto limitatissimo di realtà: se ce l’avesse, parlerebbe della piccola famiglia e della piccola vita, e della piccola Vigevano e di quanta nebbia quanto umido e come mormora la gente e quanto mi piaci ragazza – non guarderebbe le trincee e gli «ariani» che Hitler macella. Non parlerebbe per bocca di altri, non si invischierebbe nel Bitume, e non si libererebbe così SERENAMENTE da stile scuola canoni maestri. Il ragazzo ha un cuore generoso di cane, come nella canzone di De Gregori.

(già su La poesia e lo spirito )

More from Massimo Sannelli

Tre schegge dantesche

Ecce deus fortior me, qui veniens dominabitur michi Ecco un dio più...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.