Vicolo Cieco n.35: Il brodino

brodino

Il poeta si fa interprete della decadenza solo incarnandola, assumendola. Il rischio è che, in questa assunzione, si visualizzi e si proietti solo la propria dissoluzione, il proprio disfacimento.

La poesia rischia solo di far voce a una zavorra emotiva. Poesia è sempre sapere che è il futuro il tempo della concretezza, il resto è spazio per la tempesta perfetta.

Cosa è lo stile se non una appendice dell’intimità? Queste cazzate di scriver per l’urgenza, queste menate che il testo sia sempre un emergenza. Sì, é vero, vorrei un uso politico della poesia perché ne auspico una lettura politica. È ora di finirla davvero con questa metodologia di approccio per pance felici, quella è roba da Danone non letteratura.

E allora eccolo qui lo stile, la peculiarità del riconoscimento, perché poesia è riconoscere forme di vita anche nei rari casi dove si incontrano gli alieni. Lo stile che non risiede necessariamente nella forzatura linguistica, nel confine sottile tra la decenza e la vergogna ma lo stile che è riconoscere gli ingredienti, distinguere il Findus-verso dalla primizia di stagione. Queste poetiche del brodino non garantiscono più nemmeno il sostentamento di un editoria da ortolani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.