Nota a ‘L’arpa romana’ di Alessandro Ricci

arpa romanaUn werther leggero

L’opera poetica di Alessandro Ricci è interamente raccolta in tre cartelle: al poemetto Con enfasi ed ironia, altrimenti indicato come il «Furio Seniore», seguono testi numerati cronologicamente da 1 a 217. Da questo corpus egli trasse i tre libri pubblicati: Le segnalazioni mediante i fuochi (1985), Indagini sul crollo (1989) e I cavalli del nemico (2004), i quali procedono – fin dove lo consentono le date di pubblicazione – paralleli tra di loro: capita cioè che, rispettando di massima la cronologia di composizione, poesie dello stesso periodo siano destinate a libri diversi. In forza dell’autorevole precedente, questa scelta è stata fatta con lo stesso metodo fra testi che, dal primo all’ultimo, coprono un arco di trent’anni.

«Come è calma questa misura alla fine». Si apre così questo piccolo libro, nel segno di un pensiero che «uguale a se stesso […] / pochissimo muta»; e, con quel che segue, siamo già nel pieno di un’onda di deriva; ché se la speranza lumeggia qualche bivio della vita (estate-autunno, sonno-veglia), essa è «senza miracoli», arida, improduttiva. Così, non accade mai niente di nuovo; ovvero accade tutto: «la gente / si riproduce. Così come / una stagione ruba il posto / dell’altra». E dopo aver ceduto per «un attimo / alle virtù ironiche / della natura, alla truffa / benevola» del tempo e aver provato «la farsa birbona dell’incanto, / quella certezza di esistere, / e un moto spontaneo della carne / o più del cuore» per colei che si finge vicina, «torna l’odio, / ammalato, / schifoso, / come sempre»; e, insieme ad esso, non resta che tentare «l’idea / della morte»: quando si è (o ci si crede) infecondi e inadatti, ogni giorno è «giorno di frane», del quale, più spettatori che protagonisti, ma non perciò salvi, «è meglio datare mattina, pomeriggio, / sera eccetera, / perché l’impressione è che non manchi molto».

Ecco, con ciò, ancora una volta disegnata la parabola che sempre va da «disperazione» a «morte», così tipica della poesia di Ricci; il quale, in una delle venti poesie (che molto a queste somigliano) de La confessione, l’ultimo grande testo delle Segnalazioni, si definisce «un werther leggero». Leggero, ma non per questo meno tragico. E tali sono non poche di queste poesie: leggere e tragiche. Fatte di rapidi appunti o di annotazioni diaristiche, dei piccoli ma rovinosi crolli della quotidianità, di sorpresi abbandoni e di malessere, dell’amore e del suo rovescio; come di folgoranti squarci aperti sulla città del padre e sua, attraversata, percorsa e cantata, perfino, a momenti, deponendo il peso di quel dolore morale con il quale Ricci ha sempre convissuto.

Scegliendo, fra le tante che lasciò inedite, queste brevi poesie, si è voluto privilegiare la sua vena più arresa (eppure tutt’altro che disarmata); certe zone franche ai confini della sua poesia più compiuta: quelle in cui egli può anche abbandonarsi, impudicamente, alla confidenza di amici e lettori, sfrangiando a più vive tinte l’abituale umor nero. Sono allora atone o maligne autoironie, parodie e amari sberleffi a far vibrare le corde di questa antifrastica arpa romana.

More from Francesco Dalessandro

Per Gianfranco Palmery

di Domenico Vuoto Giorni fa se n’è andato in silenzio il poeta Gianfranco...
Read More

Lascia un commento