Sul bordo del baratro: una nota di lettura per Caterina Davinio

 

di Mauro Ferrari

Credo che la difficoltà di accedere alla poesia di Caterina Davinio – poesia composita e originalissima, prova di creatività che si colloca a fianco di innumerevoli esperienze artistiche non solo poetiche di cui rappresenta una sorta di prezioso Prologo – sia trovare il (soggettivo) punto di accesso, laddove cioè la superficie del significante si apre o meglio lacera. Allora, in una raccolta che ci fornisce una cronistoria (attentamente non cronologica, come carte sparpagliate ad arte per scombinare ogni possibile lettura diacronica e ogni ricostruzione “storica”) della prima fase dell’opera poetica di Caterina Davinio, troviamo un clamoroso ossimoro nella striscia sintagmatica «Fino all’ultimo stadio del male / delizioso» (p. 42): qui l’enjambement, altrettanto vistoso, separa ma tende e rende visibile lo spazio irreale fra i due termini. E, poco oltre (p. 55), si parla di «durezza nella dolcezza», con un’allitterazione sonora e dentale che ha una funzione affine. Si tratta, infatti, di una poesia basata anche a livello macrotestuale sull’ossimoro, o meglio su una contraddizione interna di cui l’ossimoro è l’evidenza parcamente attestata ma perfettamente calzante. Due campi si fronteggiano, combattendo ma paradossalmente alleandosi a volte per definire, insieme, i campi dell’umano: dolore e piacere; o, diremmo ancora, caso e necessità, vita e morte, amore e odio.

Siamo, insomma, in presenza di una delle rare attestazioni di una poesia contemporanea che non si rifugia nel laccato minimalismo (meglio se autobiografico), né fa dell’esibizione intellettualistica il proprio centro nevralgico; né, tantomeno, Caterina Davinio punta sulla perfetta tornitura del verso: questa è invece poesia vera e forte, diciamolo chiaro, corrusca e sporca («il mio sporco infinito», p. 122), che osa esporsi direttamente e senza mediazioni, sfidando la cosiddetta fallacia autobiografica che avvertirebbe di non azzardare troppo banali sovrapposizioni fra uomo che soffre e artista che scrive. È una poesia che raccoglie in un unico fardello un’esperienza di vita comunque piena e dolorosamente gioiosa – avanzerei anch’io un ossimoro – che in Italia ha ben pochi uguali, e che non si rifugia nemmeno nel maledettismo più o meno di maniera, né tantomeno nel moralismo.

Quella di Caterina Davinio è una poesia che gronda vitalismo, fisicità e corporalità, che credo ci faccia amare oltremisura la vita proprio perché affonda le unghie nell’azzardo e nella morte – nella sfida alla morte, anzi; tutto questo senza retorica, né nella costruzione dei versi né nella dimensione narrativa e asseverativa di questa sorta di diario allucinato e lucido.

«Scavare gallerie / nella polpa» (p. 108): ecco la definizione di un progetto vitalistico che, dipanandosi, diventa sempre meno progettuale, sempre più fuga – e caduta – dalla noia: «si cade innamorati per contrastare la dura noia / quando ci si innamora si soffre / quando ci si annoia si soffre» (p. 112). Partendo da questa consapevolezza soggettiva, allora, viene costruita una maschera teatrale e schizofrenica dietro cui sfuggire la banalità, ingannandola e correndo verso una vita da ghermire oltre ogni bene e ogni male: «volevo con le unghie ogni giorno tremulo e appassionato» (p. 150), confessa la persona del protagonista; e ancora, poco oltre: «quel che offre l’attimo prendo». Ecco allora che davanti al libero arbitrio si apre un tragico baratro: da una parte l’ennui mortale e dall’altra un gioco vitalistico ma altrettanto pericoloso.

Storia? Sì, le date (a cavallo fra il 1975 e il 1990) ci raccontano di anni di piombo ed eroina; i singoli testi ci raccontano però una storia – meglio, ci offrono istantanee frammentate, a heap of broken images che non ambiscono a un’organicità assoluta – attraverso cui la ricerca del piacere (momentaneo ed effimero, come è sempre leopardianamente il piacere) si fonde con l’immersione nel dolore come sistole e diastole. La ricerca affannosa della droga è vagabondaggio, dilazione e attesa («l’attesa è tutto», p. 36); la resurrezione alla vita dopo una notte di droga, o la lucidità che illumina fra due baratri è dunque la conferma terribile di quanto valga «quella vita / che manca» (p. 38) e di come essa vada corteggiata per sentirsi vivi un giorno di più, ebbri sul bordo dell’abisso.

(Postfazione a Il libro dell’oppio, di Caterina Davinio, Puntoacapo Editrice, Novi Ligure, 2012)

More from Redazione

La poesia di Sebastiano Aglieco

di Rosa Salvia In questa mia avventura nella poesia di Sebastiano Aglieco che...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.