Alessandro Broggi: ‘Total living’

 

dalla Prefazione (risvolto) di Marco Giovenale

Questo libretto può avere l’onere – grave quanto felice – di rappresentare una delle piattaforme di più inafferrabile/innegabile ironia che in ambito di scrittura di ricerca si possa trovare attualmente in Italia.

L’ironia del linguaggio è qui – in parallelo – arma puntuta contro il linguaggio. Quale? Quello piano anzi piatto della comunicazione acefala dei media generalisti e generalissimi (decorati, decorativi, decoratori).

Così, analisi stilistiche di un testo intenzionalmente privo di stile sono destinate al fallimento. Semmai, è qui attiva, come oggetto, una superficie verbale che, lasciata allo zero assoluto della freddezza pubblicitaria, del vocabolario da rotocalco o soap opera, cade sì in frantumi ma tirandosi dietro del tutto esplicitamente e strategicamente le retoriche da cui parte.

“con freddezza e senso strategico” il libro sottrae al modulo “verso” e alla scrittura “quartina” ogni spessore tematico. Quasi nulla si salva dal banale, dove tutto è comicamente “moderato” (si noti il procedere per coppie che si elidono “non tradire” / “senza ritegni”, “forza” / “senza toni forti”, “energia risoluta” / “posizioni molto più tranquille”, “irrompere senza controllo” / “la ragione poi riordina”, “una tranquillità” / “che non ha lo sguardo spento”, “hazardous zone / senza traguardi impossibili”, e così via).

L’installazione finale, allora, il total living o somma di briciole gelate o aggregazione dei segmenti di design di questa operazione, è – amaramente – una sorta di negativo della vita. Ben in luce.

L’ironia è la chiave di volta. Il rovescio che impedisce la finzione.

More from Redazione

EX.IT 2014 Materiali fuori contesto

EX.IT 2014   Materiali fuori contesto   Nuovo appuntamento con la rassegna...
Read More

Lascia un commento