Tutti gli autori di “Opera Prima”: Pietro Salmoiraghi

 

[Di seguito, presentiamo la testimonianza ed alcune poesie di Pietro Salmoiraghi, un altro autore della collana Opera PrimaRicordiamo a tutti i poeti inediti che vogliano partecipare alle selezioni di “Opera Prima che è possibile inviare i materiali seguendo queste indicazioni.]

di Pietro Salmoiraghi

Ho iniziato a scrivere nel 1997: in tarda età, avevo 56 anni.

Precedentemente la mia ‘attività di scrittore’, si era espressa attraverso la redazione di articoli – di argomento prevalentemente politico/culturale – su diversi quotidiani e riviste, nella trentennale elaborazione di dispense universitarie (quindi di carattere prevalentemente didattico) e via discorrendo.

Nel ’96, terminata la stesura del mio primo romanzo (Hortus Conclusus: poi pubblicato dall’Editore Vangelista nel 2002), mentre mi cimentavo nella scrittura di un ponderoso quanto noioso testo (Axis Mundi: a metà tra saggio e narrazione) ho sentito la necessità di far precedere ogni singolo capitolo da un più o meno lungo prembolo in forma poetica.

In quanto mi parve che tale forma espressiva fosse in grado di esprimere in forma sintetica e con maggior immediatezza i temi che lo scritto successivo avrebbe elaborato.

Diedi il testo (che trattava la guerra in Iraq: tratteggiando argomenti etico/religiosi, atteggiamenti psicoanalitici in risposta ai traumi del protagonista)  in lettura a Michele Ranchetti: verso cui ho sempre nutrito grande affetto e stima e che già in altre occsioni era stato lettore critico e attento (per nulla indulgente).

Giudicò il testo interessante: ma oltremodo noioso. Invitandomi invece, al contempo, a sottoporre ad esame di qualche critico più attento le parti poetiche: in particolare mi indicò il Premio Montano (di cui ignoravo l’esistenza) quale sede di possibile prova.

Così feci: e, con grande meraviglia l’esito fu la proposta di pubblicazione di un volumetto nella collana Opera Prima.

Esito per me importantissimo: in quanto mi diede l’occasione di mettermi in contatto (anche su vostra indicazione: era un mondo, per me, del tutto sconosciuto) con diversi poeti e critici: Claudio Di Scalzo, Luigi Fontanella, Sandro Montalto, Plinio Perilli. In primis Gabriela Fantato che mi ha seguito e stimolato fino a farmi pubblicare il recente volumetto AUTOBIOGRAFIA INVOLONTARIA (La Vita Felica Editore, Milano).

Non posso che concludere che la pubblicazione del mio lavoro nella collana Opera Prima abbia costituito momento imprescindibile per la mia crescita e per il mio inserimento in questa – strana quanto interessante – comunità dei poeti.

[issuu width=550 height=391 embedBackground=%23ffffff backgroundColor=%23222222 documentId=120616155704-d01c51b767524b65a0e3f0d5a722c10c name=opera_prima_-_salmoiraghi username=poesia2.0 tag=anterem unit=px v=2]

More from Flavio Ermini

Anterem n. 82 – Editoriale

  Il modo eminente in cui accade l’autenticità è il modo in...
Read More

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.