Libri Di/Versi n.13: Liliana Zinetti

 

[Partecipa all’iniziativa Libri Di/Versi e manda la tua classifica a redazione@poesia2punto0.com seguendo le modalità di invio che puoi leggere qui. Se invece vuoi adottare un poeta, vieni a dirci chi e perché su Poesia Condivisa.]

 

Nadia Agustoni
Il peso di pianura
Lietocolle, 2011
Mario Benedetti
Pitture nere su carta
Mondadori, 2008
Pierluigi Cappello
Mandate a dire all’imperatore
Crocetti Editore, 2010
Milo De Angelis
Quell’andarsene nel buio dei cortili
Mondadori, 2010
Luigi Di Ruscio
L’Iddio ridente
Zona, 2008
Ivan Fedeli
Virus
Le Voci della Luna, 2012
Annamaria Ferramosca
Curve di livello
Marsilio, 2006
Ivano Ferrari
Macello
Einaudi, 2004
Alfredo Panetta
Na folia nt’è falacchi
CFR edizioni, 2011
Autori vari
Corporea
Le Voci della Luna, 2009

 

L’Iddio ridente di Luigi Di Ruscio
Ricordo che quando lessi questo libro dissi a Di Ruscio che, nonostante si proclamasse ateo, lo trovavo più cristiano di certi cristiani. Lui rispose: non lo so, può darsi che lo sia. Quel che più mi ha avvicinato e fatto amare la scrittura di questo grande poeta è stata la sua capacità di stupirsi e indignarsi ancora dopo una vita che volgeva verso la fine. La sua ironia dissacrante, la sua fame di giustizia. È una poesia che cattura per la magmatica sovrapposizione delle immagini e dei significati, per il linguaggio originalissimo e torrenziale.
Nel mio blog scrissi il presente commento al libro:
Solo una breve nota senza pretesa per questo poeta che sa tradurre le sue tante (non me ne voglia l’autore) primavere in un un’unica, incontaminata primavera di fioriture sempre nuove, vitali. Mi sorprende sempre la sua caparbia volontà di denuncia, per nulla arresa   agli assalti del tempo né sconfitta da un’esistenza a volte ostile.
Non si può non essere d’accordo con Stefano Verdino quando nell’accurata prefazione a L’Iddio ridente definisce il poeta Di Ruscio “smisurato, oltranzista, insieme irridente e sacro”. La commistione stridente di tali aggettivi riflette anche, in questo libro, la tensione dell’uomo in cerca.
Se Giobbe prega e impreca, atterrito a volte dal Dio nel quale crede, il Di Ruscio ateo interroga e impreca contro un Dio che non riconosce, che affiora in certi segni e sparisce in altri. Se l’invettiva è contraria alla preghiera, non lo è  alla ricerca, all’interrogazione strenua a un’ entità a noi superiore, non comprensibile, non “dato certo” , ma solo sostenuto dalla fede.
Significativa in questo senso l’iscrizione 190 (riportata nelle poesie qui pubblicate) nella quale è evidente il rovello del poeta. Altri temi sono affrontati nel libro: la caduta, l’io, l’umano/disumano, la natura e l’uomo, ben indagati dall’attenta lettura di Stefano Verdino. In questo libro c’è tutto il fascino del linguaggio, provocatorio e ironico, dissacratorio ma onesto, a volte feroce al quale il poeta ci ha abituato e che comunque ci sorprende ogni volta. Come afferma lui stesso nel libro “… la mia è poesia estrema urlata blasferica, ricordo ancora una volta mio padre che quando seppe che mi ero messo a scrivere le poesie disse: Quello è capace di tutto.”
E meno male. Sarebbe mancato qualcosa   senza la poesia di Luigi Di Ruscio.
Liliana Zinetti
More from Sebastiano Aglieco

Fu dove il ponte di legno n.2: Spazio mentale e concretezza percettiva – Vittorio Sereni, Diario d’Algeria

Diario d’Algeria Vittorio Sereni 1998, pp. XV -46 Einaudi (collana Collezione di...
Read More

1 Comment

  • Grazie, Liliana, per aver citato (evidentemente lo ricordi!) il mio libro Curve di Livello. leggo solo ora la tua lista, con i mei amatissimi, tra gli altri, Cappello e Di Ruscio…
    un abbraccio ,annamaria

Lascia un commento