Libri Di/Versi n.12: Fabio Teti

 

[Partecipa all’iniziativa Libri Di/Versi e manda la tua classifica a redazione@poesia2punto0.com seguendo le modalità di invio che puoi leggere qui. Se invece vuoi adottare un poeta, vieni a dirci chi e perché su Poesia Condivisa.]

 

Giuliano Mesa
Poesie 1973-2008
con un testo di A. Baldacci,
La camera verde, Roma 2010
Marco Giovenale
La casa esposta
introduzione di A. Anedda, postfazione di C. Bello Minciacchi, Le Lettere, Firenze 2007
Andrea Raos
Le api migratori
illustrazioni di M. Paganelli, Oèdipus, Salerno 2007
Alessandro De Francesco
Ridefinizione
La camera verde, Roma 2011
Giulio Marzaioli
Moduli di prima fase
La camera verde, Roma 2010
Michele Zaffarano
Wunderkammer, in Aa.Vv., Prosa in prosa
Le Lettere, Firenze 2009
Gherardo Bortolotti
Tecniche di basso livello
Lavieri, S. Angelo in Formis, 2009
Simona Menicocci
Incidenti e provvisori
La camera verde, Roma 2012
Stefano Guglielmin
C’è bufera dentro la madre
prefazione di C. Annino, L’arcolaio, Forlì 2010
Andrea Inglese
La distrazione
Luca Sossella, Roma 2008

 

Rispetto ai risultati sicuri – alle inaggirabili interrogazioni – provenienti dal campo di fors/ze della poesia, troppo ricchi paiono a me gli anni appena trascorsi; troppo vicini, anche, per poter stringere lo sguardo solamente su una decina di indicazioni. Vorrei peraltro smarcarmi dalla trappola canonica e canonizzante comunque implicata dall’impilare una lista o classifica, quale che sia. Molte altre letture e opere avrei dovuto segnalare: quella potente di Florinda Fusco, ad esempio; l’omnia di Amelia Rosselli, di Antonio Porta; abbracciare il recente Loro di Sergio Rotino, o ripescare la goccia di sperma nella pozza di sangue che consegna Ivano Ferrari nel suo Macello. Ricordare la Fabrica, i Versi nuovi di Biagio Cepollaro. Scommettere, infine, su alcuni inediti che hanno già incurvato il mio orizzonte d’attesa, come Specchio d’imperfezione / Corona di Luigi Severi, la Vacanza d’inverno di Davide Racca, la Ripartizione della volta di Daniele Bellomi, lo Schema di Adriano Padua. Le opere che propriamente sbalzo nella decina richiesta sono allora scelte, e innanzitutto scelte, in base a quella che percepisco come una innervata solidarietà nella differenza: di intenti, sintassi, indizi, vettori e posture conoscitive; e, finalmente, in base alla incidenza e lezione loro, variamente articolata, nei rispetti della mia propria esperienza di scrittura.

*

«Solo le opere d’arte che si possono avvertire come modo di comportarsi hanno una loro raison d’être. L’arte non è solo il luogotenente di una prassi migliore di quella che ha dominato fino a oggi, ma anche critica della prassi in quanto dominio di una brutale autoconservazione all’interno e per amore del vigente. Essa sbugiarda la produzione per se stessa, opta per uno stato della prassi al di là della signoria del lavoro. Promesse du bonheur significa di più del fatto che la prassi fin qui esercitata contraffa la felicità: la felicità sarebbe al di là della prassi. A dare la misura dell’abisso tra la prassi e la felicità è la forza della negatività interna all’opera d’arte».

[ Th. W. Adorno, Teoria estetica, Einaudi, Torino 2009, p. 18 ]

*

[ ardere, dando ]

mai soltanto il bene

per ogni gesto,
un gesto non compiuto

[ ogni ricordo il non ricordo,
ogni rammendo scuce ]

[ G. Mesa, da nun, in Poesie 1973-2008, La camera verde, Roma 2010, p. 371]


Fabio Teti è nato a castel di sangro (aq) il 17/12/1985. è redattore di«gammm», «punto critico» e di «eexxiitt». attualmente, vive e studia a roma. suoi testi sono comparsi in rivista («semicerchio», «sud») e in rete («nazione indiana», «lettere grosse», «absolute poetry», «π – trimestrale di conversazioni poetiche»; recentemente: «rebstein», «punto critico», «l’ulisse»). ha partecipato a “poesia totale – in voce” (roma, dicembre 2010) e alla quarta edizione di “ricercabo – laboratorio di nuove scritture” (bologna, novembre 2011).

More from Redazione

Lucetta Frisa: ‘Se fossimo immortali’

  Se fossimo immortali Lucetta Frisa 2006, 80 p., brossura Editore Joker...
Read More

Lascia un commento