Alberto Cappi – Altri materiali per un frammento

Il linguaggio fa luogo nello spazio. È il radicamento del sito letterario che la parola traccia come dimora. La poesia la abita. Di lì invita all’ospitalità. Petrarca: «Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono».

Il vuoto è per l’essere, vuoto a essere. Nasce qui la spinta originaria della parola, cioè la forza irradiante. Nella sua organizzazione si fa clausola o modo particolare dell’episteme, dunque la forma. La clausola dantesca: «Tal mi fec’io …».

La parola si desta nel ritmo. L’aria che la alza e in cui si anima è del tono. Tonalità che diviene colore della lettera. Accade poi che si ancori all’occasione. Si esprime. E l’origine continua a essere. Montale: «Ecco il segno; s’innerva».

Cosa e nudità espressiva sono prossime alla relazione originaria. Nel fl usso verbale della continuità, poi, la poesia si dona quale interpretazione del tema profondo. Per tanto il libro del verso è profezia del mondo. San Francesco: «Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: / de te, Altissimo, porta signifi – catione».

Il viaggio delle ombre nella parola muove alla cattura del silenzio. La parola si rende partecipe e il suo spirito è dell’accanto. Nel desiderio di ridurre la distanza può dar voce alle cose. Leopardi: «E il naufragar m’è dolce in questo mare».

Il testo: un labirinto dell’erranza dove si cerca la parola originaria perché la poesia possa liberarla e renderla cifra. Solamente così l’evento si compie, poi, nell’incontro con l’autore, l’interprete, il lettore. Borges: «Cerca il mio passo e trova / la sperata soglia».

(di Alberto Cappi su Anterem, n. 78 giugno 2009)

More from Redazione

Per una lettura di Maria Pia Quintavalla (A. Zanzotto)

  di Andrea Zanzotto Anche  questo nuovo lavoro di Maria Pia Quintavalla...
Read More

Lascia un commento