La vita Idiota: un commento di Alberto Pellegatta

A quasi dieci anni dalla morte, esce per Lietocolle la plaquette che Dario Bellezza pubblicò nel ‘ 68 su Nuovi Argomenti, e che non rientrò mai in nessun libro successivo. La vita idiota ci restituisce un giovane poeta precocissimo, già abile e scarno nello stile, come violentemente dolce nei temi. Se questi bellissimi versi non ci fossero stati restituiti, dovremmo rinunciare a questo magma, alla loro pronuncia spoglia e dura, a queste immagini che si impongono con impeto: « La tua rabbia senza sepoltura / che viene lenta a marcire l’anima » . È una raccolta dura, sí, ma è anche un libro d’amore, di un amore oscuro, « insano » , di un amore trascinato e disperso per batuage, per « fratte » e per « caverne » ; un amore « massacrato » , « ferito » , « fregato » , tra « corpi adolescenti che sapevano i trucchi dell’assenzio / per stordirsi » . Il linguaggio è sempre preciso, indecente, e sa cogliere con grande intelligenza la « vita sudicia » e il suo « riso osceno » . L’amore pandemico però, affannato e sordido, dialoga con quello celeste, con l’amore tenero e innamorato: « se pi ù bello venissi e pi ù leggiadro / uguale ti vorrei a come eri, modesto / negli occhi e con le piaghe sulla / bocca minuta da baciare » , in picchi di limpida liricità. L’identità del soggetto non si nasconde mai, sottoposta continuamente a una verifica spietata, a sostegno di una grande consapevolezza di sè e del mondo: « La gente non capirà, dirà la solita mania / di esibire il proprio spampanato self / di giovinetto in progress; non mi addolora / tutto ciò, mi esalta, se non fosse l’atroce / sgomento di sapere che neppure tu capirai » , scrive nel testo intitolato A un poeta. « La pioggia… ai vetri rigati / della finestra della nostra ultima stanza – dove / resto a controllare che tutto resti intatto » , per custodire i ricordi, perchè ciò che serve è un « poetico disordine » , per sottrarsi al « fiume nero e lento » della morte, oltre « l’inturpita analisi del tuo io / pimpatissimo ( fregato, ferito, raffinato) » , oltre la consolazione e le avventure notturne. La violenza dei contenuti si traduce in misure calcolate, in accenti e ritmi energici ma raffinati. La poesia che chiude la raccolta colpisce per la modernità di pensiero: « I compratori della mobilità che non pensano che il non/ movimento, la contemplazione, sia l’unica salvezza per / stringere da presso il proprio io in disarmo » , e suggerisce, infine, di lasciar depositare le parole come se non fossero « mai nate nella testa ma » fossero solo state « trovate » nella vita. La fisicità, la materia diventa importante per il valore di verità che veicola: « Ritorna / all’unica sorte possibile: / la carne » . Completa il libro una bella nota di Enzo Siciliano, che ricorda la « crudezza » del primo racconto che Dario propose alla rivista, ma anche le impressioni sul loro primo incontro ( « Dario vestiva tutto di nero… lo chiamammo fra noi subito upupa, ma anche vierge en noir » ) . Siciliano ha ancora davanti agli occhi la sfrontatezza e l’autentico « sentimento di rivolta » del giovane poeta, quel « narcisismo maledetto » che gli fece leggere in maniera inedita anche Leopardi. E come Leopardi, Bellezza è un poeta disperato per il troppo amore.


Alberto Pellegatta

da La Gazzetta di Parma  del 26.2.05

More from Redazione

Su “Dopo tanto esilio”, di Anna Elisa De Gregorio

di Maria Grazia Camilletti Il titolo suggestivo della seconda raccolta di Anna Elisa...
Read More

Lascia un commento